Incontro con la Port Authority: priorità dare attuazione al POT come prima anticipazione del PRP. Accelerare sulla porta a mare.

Incontro a 360° con il Presidente dell’Autorità Portuale Gallanti.
Nel confronto i principali concetti espressi sono stati due: l’attuazione del POT come strumento anticipatore del PRP, e nello specifico viene segnalata la possibile composizione della complessa questione delle riparazioni con i bacini e le società pretendenti, ma anche la possibilità di accogliere il progetto industriale della “masol”, soggetto mondiale accreditato per l’energia prodotta da olio di palma, con una interessante prospettiva di assorbire ciò che rimane della “novaoil”. Il secondo riguarda la soluzione della questione del traffico crocieristico con l’accoglienza delle attività del terminal calata orlando.
Ovviamente l’incontro è stato utile per fare il punto sulla definitiva approvazione del PRP e sullo stato dei lavori finanziati dalla Regione Toscana per la realizzazione della foce armata e per i lavori di escavo, con la conseguente chiusura delle porte vinciane.
L’occasione è stata preziosa per una riflessione sulla mancata approvazione della legge di riforma della l.84/94 e sule ipotesi di ripartenza con la nuova legislatura.