Incontro con Bonsignori: occorre sportello unico portuale e doganale. Insopportabili i tempi e i costi di sdoganamento delle merci

Nell’incontro con Bonsignori, praticamente il patron storico dei prodotti di cellulosa per il porto di Livorno, molte sono state le informazioni da lui fornite.
Di particolare interesse le dinamiche di acquisizione e di mantenimento dei traffici in questione, ma ancora più significative le dinamiche di consegna e di costo del prodotto dallo sbarco alla destinazione.
Un traffico quello della cellulosa, proveniente dal continente sud americano, in cui vigono leggi e consuetudini tutte proprie di quei traffici che rendono più difficile la logistica per la destinazione del prodotto.
Significativo in questo senso il fatto che i traffici che riforniscono le cartiere della lucchesia, abbiano recentemente conosciuto convenienze maggiori con i porti di Rotterdam piuttosto che con il nostro scalo.
Urge in questo senso una riforma del regime doganale nei nostri porti in grado di semplificare procedure, abbattendo costi e tempi di sdoganamento delle merci.
Più che uno sportello unico doganale forse occorre un vero unico sportello portuale!